La Voce di Ferrara-Comacchio è il settimanale dell'Arcidiocesi di Ferrara-Comacchio
Redazione: Via Boccacanale di Santo Stefano 24/26 - Ferrara - Tel. 0532/240762 Fax 0532/240698
Proprietà dell'Opera Archidiocesana per la Preservazione della Fede e della Religione
Reg. Tribunale di Ferrara n. 66 del 27-09-1956

  • Redazione

Sussidiarietà, legalità e rispetto della persona: "Ferrara Bene Comune" sulla questione campo nomadi

Aggiornato il: 23 dic 2019


Una "riflessione pacata", ampiamente meditata e di più ampio respiro rispetto alla querelle quotidiana.

E' quella che propone l'associazione "Ferrara Bene Comune", per sua natura impegnata a creare reti e relazioni nella nostra città, andando sempre al fondo delle questioni.

Riguardo al tema del possibile sgombero del campo in via delle Bonifiche a Pontelagoscuro, abitato da diverse famiglie sinte, "Ferrara Bene Comune" propone un breve documento di riflessione, che pubblichiamo di seguito.

"Le esigenze di sicurezza, il ripristino di aree di degrado, il rispetto della legalità, da una parte, la tutela della persona, specie in condizioni di precarietà e di disagio, la ricerca di sistemazioni dignitose, rispettose dell’unità familiare e della continuità scolastica, dall’altro, sono aspetti complementari che necessariamente vanno perseguiti insieme", è scritto in un passaggio.

Le associazioni di volontariato "hanno titolo a ricevere concreta attenzione da parte delle istituzioni" in quanto "il livello locale può rappresentare il punto di ripresa di

un dialogo che superi gli schemi consueti, in favore di una rinnovata ricerca del bene comune", partendo dal fondamentale principio di sussidarietà. "Il punto di partenza di ogni seria interlocuzione è il riconoscimento del valore irriducibile della persona; occorre riscoprire - è scritto ancora nel documento - che l’altro è un bene, e non un ostacolo da superare per la pienezza del nostro io, tanto in politica quanto nei rapporti umani e sociali".

"Va costantemente tenuto presente - sono ancora parole del testo - che le istituzioni di governo della nostra città sono chiamate ad assicurare un clima che, lungi dalla conflittualità, sia di fattiva collaborazione per poter assumere decisioni sollecite e tempestive".