• Redazione

Santa Barbara, un fuoco dentro: omelia di mons. Perego per la patrona dei Vigili del fuoco

Aggiornato il: 23 dic 2019

Ferrara, Chiesa di S. Maria del suffragio, 4 dicembre 2019

S.E. Mons. Gian Carlo Perego

Arcivescovo di Ferrara-Comacchio

Un deferente e cordiale saluto al Comandante provinciale e ai Vigili del fuoco, alle onorevoli autorità civili e militari. Cari fratelli e sorelle, celebriamo oggi, come ogni anno, Santa Barbara, patrono del Corpo nazionale dei Vigili del fuoco.

In questo giorno e in questa celebrazione il primo pensiero, carico di riconoscenza, non può non andare ai Vigili del fuoco, che ogni giorno guardano alla tutela delle persone e delle nostre città e dei nostri paesi. Un ricordo e una preghiera particolare, oggi, è per i Vigili del fuoco che hanno perso la loro vita nell’adempimento del loro dovere: un gesto di dedizione e di donazione che si ripete e segnala a tutta la società civile una professione che chiede di arrivare a dare la propria vita per salvare la vita delle persone, delle famiglie o un bene comune. La Parola di Dio in questo giorno di festa ci regala anzitutto una pagina del profeta Isaia che ci fa pregustare la gioia del Natale. “Il germoglio che spunterà dal trono di Iesse”, infatti, prefigura il Messia, il Dio con noi. E’ il Figlio di Dio, a cui il Padre darà i doni del suo Spirito, come su ogni altro suo figlio: la sapienza, l’intelletto, il consiglio, la fortezza, la conoscenza, il timor di Dio. Un Figlio che cercherà la giustizia e sarà vicino ai poveri e salvaguarderà la terra e le acque. I doni dello Spirito sono anche le risorse dei Vigili del fuoco: sono doni che favoriscono la ricerca della giustizia, la salvaguardia del creato e dei beni comuni, il soccorso delle persone. Questi doni trovano un modello in S. Barbara, la martire uccisa dal padre che la voleva rinchiusa in una torre, perché non si era piegata alla sua volontà di rinunciare alla fede cristiana. Un padre che sarà punito dal fuoco che lo avvolgerà, quasi a significare che chi fa il male e pecca contro il Signore sarà condannato al fuoco eterno.

La torre e il fuoco sono i due simboli che caratterizzano anche la vita e l’attività dei Vigili del fuoco: la torre sta a significare un luogo – una casa, una fabbrica, un bosco, una strada, ad esempio - dove si rimane talvolta prigionieri per tante ragioni e si è liberati dai Vigili del fuoco; il fuoco, gli incendi che vedono al centro l’attività dei Vigili del fuoco per soccorrere e liberare persone e famiglie e salvaguardare i beni per noi più preziosi. Al tempo stesso, l’attività dei Vigili del fuoco segnala le conseguenze della mancanza della giustizia e della legalità, della responsabilità nella vita e nelle attività delle persone e delle aziende che talora hanno come conseguenza la distruzione di patrimoni comuni, la morte o la perdita della salute di persone e famiglie, di lavoratori. L’attività dei Vigili del fuoco, in questo caso, diventa coscienza critica delle nostre azioni, stimolo per una maggiore tutela delle persone e dei beni comuni, richiamo per una nuova normativa sempre a tutela delle persone e dei beni comuni.

La pagina evangelica di Luca è anzitutto una preghiera di Gesù al Padre, Signore del cielo e della terra. E’ la preghiera che in questo giorno facciamo nostra come figli e rivolgiamo al Padre, Creatore del cielo e della terra, per i nostri Vigili del fuoco. Il Signore accompagni sempre la loro azione nelle nostre città e campagne, li renda attenti nelle situazioni non facili, li protegga dai pericoli, e per intercessione di S. Barbara, li custodisca come in una torre. E facciamo nostre anche le parole di Gesù ai discepoli, perché renda gli occhi e gli orecchi dei Vigili del fuoco capaci di vedere i pericoli e di ascoltare le grida di chi chiede aiuto. In questo tempo di Avvento chiediamo al Signore che il fuoco della fede che ha animato Santa Barbara arda anche nel nostro cuore e ci aiuti a vivere l’attesa del Natale: un Natale che accompagni con i doni della sicurezza, della giustizia il lavoro dei nostri Vigili del fuoco. Così sia.

La Voce di Ferrara-Comacchio è il settimanale dell'Arcidiocesi di Ferrara-Comacchio
Redazione: Via Boccacanale di Santo Stefano 24/26 - Ferrara - Tel. 0532/240762 Fax 0532/240698
Proprietà dell'Opera Archidiocesana per la Preservazione della Fede e della Religione
Reg. Tribunale di Ferrara n. 66 del 27-09-1956