• Redazione

Pasqua di Pace: il Messaggio dell'Arcivescovo


S.E. Mons. Gian Carlo Perego

Arcivescovo di Ferrara-Comacchio



La Pasqua di quest’anno non può che essere una Pasqua di pace. Attorno e vicino a noi c'è la guerra con i suoi morti, le sue violenze, le distruzioni, le persone in fuga, soprattutto donne e bambini, che arrivano anche nella nostra città e nei nostri paesi. È una guerra che chiede accoglienza per gli individui e le famiglie, come ogni guerra che allontana e distrugge le case, che costringe a lasciare la propria terra. Un’accoglienza questa che è arrivata nelle nostre abitazioni, nei nostri nuclei affettivi, finalmente diffusa, che impegna tutti, nonostante la politica sia spesso incapace di organizzarla, di strutturarla. Un’accoglienza che chiede anche tutela, promozione, inclusione, per uscire dall’emergenza in cui troppe volte rimane e per costruire un nuovo modello di città e cittadinanza. È una guerra che ci costringe a confidare nelle armi, anche se non è la strada ultima, ma penultima. La strada ultima, definitiva, è quella della pace. È la via evangelica della nonviolenza, che è difficile per tutti noi, ma l’unica - come ha ricordato Papa Francesco in questi tempi di conflitto così vicino - che garantisce la vita e il futuro. È una Pasqua in cui il dono della pace di Gesù Risorto viene accolto e viene testimoniato, scambiato nella nostra vita. A Pasqua ritorna per tutti questo messaggio e augurio di pace. È un messaggio testimoniato con forza dal processo a Gesù, l’Innocente che si lascia condannare, il Condannato innocente e il Crocifisso sofferente, che sceglie di amare e perdonare (cfr. Rom 8,31-34). E nella scelta di libertà fino alla morte nasce la vita, la vita eterna, la risurrezione che la Pasqua ogni anno ci annuncia e ci fa rivivere. Il Risorto è la vittoria della pace sulla violenza, dell’amore sull’odio, della vita sulla morte, in quel “prodigioso duello”, che si rinnova in ogni stagione della storia, con nuove "apocalissi".

Buona Pasqua, Buona Pasqua di pace.


------


Immagine: Basilica Conventuale di San Francesco d’Assisi, Ferrara

Domenico Mona, Ascensione (part. del Trittico “Resurrezione, Ascensione, Deposizione”), 1580-83, catino absidale

Post recenti

Mostra tutti

In riferimento a ciò che è accaduto nella parrocchia di Goro, riguardo alla preparazione dei candidati ai sacramenti, e a quanto è stato riportato dalla stampa locale, l'Arcidiocesi di Ferrara-Comacch