• Redazione

Natale in Carcere: omelia di mons. Perego

Casa Circondariale di Ferrara, 22 dicembre 2021


S.E. Mons. Gian Carlo Perego

Arcivescovo di Ferrara-Comacchio


E’ una gioia essere qui tra voi, cari fratelli e sorelle, per prepararci a vivere il Natale. E’ un Natale ancora fatto da distanze, da insicurezza derivata dalla pandemia non ancora sconfitta. Ma è sempre Natale. Dio viene tra noi. Lo possiamo incontrare, lo possiamo sentire. Forse sentiamo meno la vicinanza dei nostri cari. Le parole del Magnificat di Maria ci accompagnano a scoprire il senso del Natale. A Natale Dio guarda agli umili, ai piccoli, ai poveri: il Natale è per voi, per noi, per tutti. A Natale Dio fa grandi cose, soprattutto cambia la logica del mondo: non contano di più i potenti, gli Erode: conta la famiglia di Nazareth, Giuseppe e Maria, contano i pastori, contano i magi, gli uomini che camminano, sono in ricerca e guardano alla grotta di Betlemme. A Natale scopriamo la misericordia di Dio, il suo perdono: la grazia vince il peccato. Il Natale ci ricrea dentro, ci regala nuove motivazioni per avere speranza, per un cammino nuovo, di riabilitazione interiore. Come abbiamo ascoltato dal salmo responsoriale: “Il Signore fa morire e fa vivere, scendere agli inferi e risalire. Il Signore rende povero e arricchisce, abbassa ed esalta…Solleva dalla polvere il debole, dall’immondizia rialza il povero,”. Il Natale ci fa rialzare, ci dona fiducia, ci solleva anche dalle difficoltà, dalle sofferenze. Nessuno è escluso dal Natale. E a Natale se Dio ha una preferenza quella è per i poveri. Auguro a tutti voi un Buon Natale. Il Dio che viene, che è Figlio di Dio, ci renda capaci di scoprire che anche noi siamo figli di Dio, e per questo siamo fratelli. “Fratelli tutti”, ci ricorda Papa Francesco. Auguro a tutti voi che il Natale ci rafforzi nella speranza di un futuro diverso. Auguro a voi e alle vostre famiglie, cari detenuti, agenti e volontari che questo Natale non faccia perdere la serenità, ma soprattutto la prossimità con tutte le persone che amiamo. Quella prossimità e serenità che il Presepe, che anche voi avete fatto, porta in ogni casa. Auguri. Buon Natale.


Post recenti

Mostra tutti

In riferimento a ciò che è accaduto nella parrocchia di Goro, riguardo alla preparazione dei candidati ai sacramenti, e a quanto è stato riportato dalla stampa locale, l'Arcidiocesi di Ferrara-Comacch