• Redazione

Natale, festa dell’incontro

Aggiornato il: 23 dic 2019

Messaggio di S.E. Mons. Gian Carlo Perego

Arcivescovo di Ferrara-Comacchio

“Diede alla luce il suo figlio primogenito, lo avvolse in fasce e lo pose in una mangiatoia, perché per loro non c’era posto nell’alloggio” (Lc 2,7) Buon Natale. Il Natale ritorna ogni anno con i suoi colori, le sue luci, le sue attese. Nel Natale è compresa la familiarità – una madre, un bambino, la famiglia di Nazareth -, ma anche l’estraneità – Erode, i pastori, i Magi -, perché nessuno è escluso dall’Incarnazione, perché la salvezza raggiunge “tutti gli uomini di buona volontà”. Il Presepe ci ricorda al tempo stesso la famiglia e il mondo, il vicino e il lontano, la vita. A Natale, il Presepe – scrive Papa Francesco nella sua lettera sul Presepe e nella sua visita a Greccio – è “un mirabile segno” e sottolinea “la bella tradizione delle nostre famiglie, che nei giorni precedenti il Natale preparano il presepe. Come pure la consuetudine di allestirlo nei luoghi di lavoro, nelle scuole, negli ospedali, nelle carceri, nelle piazze”. Il Presepe richiama chi sono i veri protagonisti del Natale: i piccoli, i poveri. Nell’Incarnazione del Figlio di Dio vengono ricomprese tutte le cose, ma soprattutto trovano risposta le domande fondamentali della vita. I Magi sono il simbolo della ricerca di felicità dell’uomo che chiede di mettersi in cammino, di andare altrove. Ieri come oggi. L’Epifania rompe ogni paura, chiusura, indifferenza purtroppo ancora troppo frequenti anche nelle nostre comunità cristiane, nell’accettare i doni di fede, di sapienza, creatività, lavoro e fatica che provengono da Paesi diversi e che sempre più diventano ‘patrimonio’ del nostro Paese, delle nostre Chiese. Il Natale diventa la festa dell’incontro, l’occasione per rinnovare la consapevolezza che la salvezza viene da Cristo Gesù, passa attraverso la Chiesa, sacramento dell’incontro tra Dio e l’uomo, ma arriva e giunge dappertutto dentro la nostra città e oltre. Ancora una volta la Rivelazione ci aiuta a interpretare la storia umana, con una contemporaneità straordinaria. Regaliamoci un incontro in questo Natale, per vincere paure che generano violenze, discriminazioni e strumentalizzazioni. Regaliamoci un incontro in questo Natale, perché la salvezza viene sempre da un altro. Regaliamoci un incontro, in questo Natale, con chi è malato, combatte con il dolore e rischia di perdere la speranza. Regaliamoci un incontro in questo Natale, soprattutto con chi ci è vicino nella quotidianità: dalla sposa al marito, dalla madre al padre, dai bambini, agli anziani: sono il prossimo che, spesso, in realtà rischia di essere più lontano. Ogni incontro rende Buono il nostro Natale. Auguri.

La Voce di Ferrara-Comacchio è il settimanale dell'Arcidiocesi di Ferrara-Comacchio
Redazione: Via Boccacanale di Santo Stefano 24/26 - Ferrara - Tel. 0532/240762 Fax 0532/240698
Proprietà dell'Opera Archidiocesana per la Preservazione della Fede e della Religione
Reg. Tribunale di Ferrara n. 66 del 27-09-1956