• Redazione

La Madonna di Loreto, da cento anni patrona dell’Aeronautica: omelia di mons. Perego


(tutte le foto sono di Riccardo Frignani)


Ferrara, Basilica di S. Giorgio fuori le Mura, 31 agosto 2020


S.E. Mons. Gian Carlo Perego

Arcivescovo di Ferrara-Comacchio

Onorevoli Autorità civili e militari, cari fratelli e sorelle, questa sera Maria visita la nostra città, entra nelle nostre case, grazie a una bella iniziativa, a un viaggio, a un volo che le Forze armate dell’Aeronautica hanno organizzato per Lei nell’ambito delle celebrazioni del Giubileo lauretano. Nella sua visita Maria si presenta come la Madonna di Loreto, la donna di casa, nella sua città di Nazareth, ma anche come la sposa di Giuseppe, la Madre di Gesù. Maria è la donna che ama e tutela la vita, perché dopo l’Annunciazione ‘vola’ dalla cugina Elisabetta, per far sentire la sua vicinanza a una donna che stava dando alla luce un Figlio. Maria è la donna apostola che segue con discrezione suo Figlio. Maria è la donna che soffre per il Figlio, lungo la via del Calvario, fino a sotto la Croce. Maria è la donna dello Spirito, che riceve nuovamente, dopo l’Annunciazione, con gli Apostoli a Pentecoste per la missione. Lo Spirito che ha guidato il Figlio, a partire da Nazarteh - come ha ricordato nella pagina evangelica di Luca – raggiunge Maria, la prima discepola e anche gli apostoli e i discepoli. Anche noi, discepoli del Figlio, siamo chiamati a raccogliere l’annuncio del Vangelo e a portarlo ai poveri, ai prigionieri, ai ciechi, agli oppressi. Tanti vostri voli, cari operatori e operatrici del volo, raggiungono luoghi di guerra, situazioni di oppressione, di povertà: Maria vi aiuti ad essere uomini e donne che incarnano lo spirito delle beatitudini: soffrire con chi soffre, piangere con chi piange, portare la pace e la serenità, tutelare ogni persona e soprattutto i più deboli. La Madonna di Loreto, la Madonna nera, è la Madonna che vola con voi e guarda con cuore di Madre insieme a voi i più poveri e i sofferenti in ogni parte del mondo: dal Libano alla Nigeria, dall’Amazzonia alla Cina, dalla Cecenia all’Ucraina, dall’Oceano indiano al Mediterraneo. La nuova evangelizzazione – come ci ricorda papa Francesco nell’esortazione Evangelii gaudium con parole chiare– passa da questa scelta preferenziale dei più poveri: “Oggi e sempre, i poveri sono i destinatari privilegiati del Vangelo, e l’evangelizzazione rivolta gratuitamente ad essi è segno del Regno che Gesù è venuto a portare. Occorre affermare senza giri di parole che esiste un vincolo inseparabile tra la nostra fede e i poveri. Non lasciamoli mai soli” (E.G. 48).

Maria è la Madre della Chiesa, che cammina a volte in fretta, a volte a passi incerti, per raggiungere tutti, per attendere tutti, con uno sguardo particolare ai poveri, un cuore di Madre. Una Chiesa che si rinnova anche grazie alla compagnia permanente di Maria che ogni volta che abbiamo bisogno di Lei – come ci testimoniano in particolare le apparizioni nella storia - , vola tra noi e ci consola: e di questa visita e consolazione i santuari ne sono la testimonianza più vera.

Cari fratelli e sorelle del mondo dell’Aeronautica militare, Benedetto XV, il Papa di origine genovese, ma anche della nostra terra, perché salì al Pontificato dopo essere stato Arcivescovo di Bologna, nel 1920, cent’anni fa, su richiesta degli aviatori della prima guerra mondiale che ebbero dal 1918 una base anche nel territorio ferrarese, a Poggio Renatico, sotto il comando del tenente colonnello Armando Armani, futuro Capo di stato maggiore dell’Aereonautica militare, ha voluto regalare al Corpo dell’Aeronautica, dopo una tragica guerra mondiale da Lui giudicata “un’inutile strage”, Maria come protettrice, sotto il titolo della Madonna di Loreto.


La Madonna che - secondo la tradizione - è volata da Nazareth a Loreto con la sua casa è diventata la patrona di chi ogni giorno vola nel nostro cielo: per trasferire persone e cose, per dare sicurezza e pace, per dare salute e futuro. Sono passati cento anni da quando la Madonna di Loreto è stata la compagna, la Madre premurosa e attenta di ogni viaggio aereo, per i piloti e per i passeggeri, militari e civili. Cari fratelli e sorelle dell’Aeronautica militare, la Vergine Lauretana continui ad accompagnarvi con il suo sguardo materno nei vostri voli e nel vostro prezioso lavoro, perché le vostre azioni siano cariche di umanità, per la vita e la sicurezza del mondo.



Post recenti

Mostra tutti

Avvento, lettera dell'Arcivescovo per i sacerdoti

Ferrara, 24 novembre 2020 Memoria di S. Andrea Dung Lac e compagni Cari confratelli, domenica 29 novembre inizia il Tempo di Avvento, con l’invito di Gesù richiamato nel brano evangelico di Marco: “Ve

La Voce di Ferrara-Comacchio è il settimanale dell'Arcidiocesi di Ferrara-Comacchio
Redazione: Via Boccacanale di Santo Stefano 24/26 - Ferrara - Tel. 0532/240762 Fax 0532/240698
Proprietà dell'Opera Archidiocesana per la Preservazione della Fede e della Religione
Reg. Tribunale di Ferrara n. 66 del 27-09-1956